DNV

New report: Pathway to Net Zero Emissions

L’obiettivo zero emissioni entro il 2050 non è sufficiente per la maggior parte dei paesi sviluppati se il riscaldamento del pianeta deve essere limitato a 1,5 gradi

DNV GL acquires solar panel testing expert PV Evolution Labs

27 ottobre 2021, Oslo, Norvegia - Il percorso più fattibile per limitare il riscaldamento del pianeta a 1,5°C richiede che alcuni paesi e settori vadano al di sotto dello zero netto e che lo facciano decisamente entro la metà del secolo, secondo una nuova analisi degli autori dell'Energy Transition Outlook.

  • Il Nord America e l'Europa devono raggiungere la neutralità carbonica entro il 2042, mentre il subcontinente indiano è destinato riuscirà ad essere un emettitore netto entro il 2050
  • Il rapporto speciale “Net Zero” sostiene che la cattura del carbonio è necessaria dal momento che la produzione di energia non sarà a emissioni zero entro il 2050
  • L'obiettivo di dimezzare le emissioni entro il 2030 è fuori portata, ma è necessaria un'azione massiccia e tempestiva se vogliamo avere qualche possibilità di raggiungere il valore futuro di 1,5°C
  • Il nuovo rapporto di DNV "Pathway to Net Zero Emissions" descrive il modo più fattibile per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C

I responsabili politici si incontreranno a Glasgow per il summit COP 26 con l'obiettivo di raggiungere l’obiettivo emissioni zero entro il 2050. Affinché ciò accada, l'analisi di DNV mostra che il Nord America e l'Europa devono essere neutrali al carbonio entro il 2042 e poi negativi al carbonio in seguito. Il rapporto indica anche che la Grande Cina deve ridurre le emissioni del 98% rispetto ai livelli del 2019 entro il 2050. La transizione a zero emissioni sarà più lenta nelle regioni che non potranno realisticamente abbandonare completamente i combustibili fossili nello stesso lasso di tempo, come il subcontinente indiano, che ridurrà le emissioni del 64%.

Pathway to Net Zero Emissions stabilisce anche il ritmo con il quale i diversi settori industriali devono raggiungere la decarbonizzazione. I cosiddetti settori difficili da decarbonizzare impiegheranno più tempo per farlo e anche se settori come quello marittimo (-90% di emissioni di CO2 nel 2050) e la produzione di ferro e acciaio (-82%) scalano l'introduzione di tecnologie sempre più green, saranno ancora emettitori netti entro il 2050. 

Mentre l'Energy Transition Outlook prevede il futuro energetico più probabile fino al 2050, il Pathway to Net Zero Emissions offre il modo più fattibile per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Il rapporto si distingue tra gli altri lavori del settore perché è l'unico a partire dal punto in cui saremo nel 2050 e cerca poi di colmare questo divario. 

"L’obiettivo Zero Emissioni non è abbastanza. Questo perché, per quanto ci provino, molte nazioni in via di sviluppo e molti settori difficili da abbattere non saranno in grado di raggiungere le emissioni zero entro il 2050 - la soglia critica per il mondo per rimanere entro il riscaldamento di 1,5°C", ha detto Remi Eriksen, Presidente e CEO del gruppo DNV. "Le nazioni sviluppate, le aziende leader e i settori facili da elettrificare dovranno quindi andare sotto zero prima del 2050." 

Il mix di energia primaria delineato nel rapporto “Net Zero” è radicalmente diverso dalla traiettoria attuale. L'elettricità soddisfa poco più della metà (51%) della domanda di energia con l'eolico e il solare che forniscono l'86% dell'elettricità. L'idrogeno, che è vitale per decarbonizzare i settori difficili da abbandonare, raggiunge una quota del 13%. I combustibili fossili saranno ancora richiesti dai paesi e dalle industrie che non saranno in grado di raggiungere completamente la decarbonizzazione entro il 2050. Il 21% del mix energetico deriva da combustibili fossili (8% petrolio, 10% gas naturale e 3% carbone), anche se non ci sarà bisogno di nuovi giacimenti di petrolio e gas dopo il 2028. Secondo il rapporto “Net Zero”, le tecnologie di cattura e rimozione del carbonio sono indispensabili per rimuovere il 20% finale delle emissioni. Il nucleare non ha un posto di rilievo perché è troppo costoso rispetto alle energie rinnovabili variabili. 

L'obiettivo a medio termine dell'accordo di Parigi di dimezzare le emissioni rispetto ai livelli del 2017 entro il 2030 è fuori portata e il rapporto “Net Zero” pone a questo punto l'obiettivo della riduzione delle emissioni al 30%. Tuttavia, affinché le tecnologie diventino a breve più scalabili - come l'idrogeno verde e il CCS - gli investimenti e le politiche in materia devono iniziare ora. Al contempo, un massiccio aumento del solare e dell'eolico deve iniziare immediatamente per accelerare l'elettrificazione green del sistema energetico. 

Il tempo è il vincolo chiave per realizzare il percorso verso le emissioni “Net Zero”, piuttosto che il denaro. Anche con i grandi investimenti richiesti (cumulativamente 55 bilioni di dollari americani nelle rinnovabili e 35 bilioni di dollari americani nelle reti in 30 anni) i costi aggiuntivi per raggiungere 1,5°C sono meno dell'1% del PIL globale.


Scarica il rapporto qui

Scarica le immagini relative al testo qui


In merito a DNV

DNV è un fornitore indipendente di assicurazioni e gestione del rischio che opera in oltre 100 paesi. Attraverso la sua vasta esperienza e la sua profonda competenza, DNV fa progredire la sicurezza e la performance sostenibile, definisce gli standard industriali, crea ispirazione e inventa soluzioni.  Che si tratti di valutare il design di una nuova nave, di qualificare la tecnologia per un parco eolico galleggiante, di analizzare i dati dei sensori di un gasdotto o di certificare la supply chain di un'azienda alimentare, DNV consente ai suoi clienti e ai relativi stakeholder di gestire la complessità tecnologica e normativa con fiducia.  Guidata dal suo scopo, salvaguardare la vita, la proprietà e l'ambiente, DNV aiuta i suoi clienti a cogliere le opportunità e ad affrontare i rischi derivanti dalle trasformazioni globali. DNV è un attore di fiducia per molte delle aziende di maggior successo e lungimiranza a livello mondiale. dnv.com


Nota di pianificazione

Il direttore del programma di transizione energetica di DNV, Sverre Alvik, sarà disponibile per commenti/interviste su questo rapporto e sui relativi sviluppi durante la COP 26. Le interviste possono avvenire tramite video, compresa la telecamera Globelynx per interviste di qualità da studio. Ditlev Engel, CEO di DNV Energy Systems, e Hari Vamadevan, Regional Manager di DNV per il Regno Unito, saranno entrambi a Glasgow e disponibili per le interviste.