Business Assurance - Viewpoint

Dalla resilienza della supply chain al vantaggio competitivo

Focus sui rischi per le supply chain

Digitally Connected Farmer

La pandemia dovuta al COVID-19 ha evidenziato concreti livelli di vulnerabilità dei modelli operativi delle organizzazioni fino ai rischi legati all'ESG e la necessità di rivalutare la gestione del rischio e costruire modelli di business più resilienti.

In particolare, la pandemia ha messo in luce le vulnerabilità delle catene di fornitura di molte aziende e la necessità per le organizzazioni di pianificare, preparare e gestire strategicamente i rischi delle loro supply chain. 

Le organizzazioni appartenenti a tutti i settori devono affrontare sfide importanti, come garantire la resilienza, l'efficienza e l'agilità delle catene di fornitura, insieme alla necessità di dimostrare pratiche di supply chain responsabili.

Mentre le aziende rilanciano e rivedono i loro modelli di business e i modelli operativi in risposta al COVID-19, si fa largo una necessità critica per il management di rivalutare i rischi per tutta la supply chain. A loro volta, le organizzazioni devono riesaminare i fattori chiave dei rischi della catena di fornitura e implementare saldi processi di gestione del rischio incentrati sulla definizione di una catena di fornitura resiliente.

Informazioni chiave sulla gestione del rischio delle supply chain raccolte dall'indagine di DNV.

DNV:

Il COVID-19 ha messo in risalto la necessità di migliorare la gestione del rischio della catena di fornitura. Quali sono, secondo il WBCSD, le sfide strategiche e le aree che necessitano interventi immediati? 

WBCSD:

Abbiamo osservato un maggiore riconoscimento dei vantaggi per una migliore gestione del rischio applicata alle catene di fornitura. Le organizzazioni stanno mettendo in primo piano l’esigenza di rivedere e rivalutare la loro applicazione delle tecniche di gestione del rischio per rafforzare fiducia, garanzia e resilienza lungo tutte le catene di fornitura.

Il contesto aziendale in continua evoluzione e i nuovi modelli operativi hanno modificato il profilo del rischio delle catene di fornitura, che richiede valutazioni più lungimiranti. Le catene di fornitura possono essere particolarmente vulnerabili a causa della loro complessità, delle dimensioni globali e del ruolo dei subfornitori e delle risorse di terze parti. Le esigenze di governance, di identificazione e valutazione del rischio, di monitoraggio e di reporting sono significative.

Parallelamente, gli stakeholder interni ed esterni chiedono chiarezza, trasparenza e garanzia sulla valutazione dei rischi attraverso le catene di fornitura revisionate. Facendo leva sulle analisi di scenario focalizzate sull'ESG e sulle valutazioni della materialità, le organizzazioni possono iniziare a costruire la resilienza e la garanzia per gestire i rischi di reputazione e una gamma diversificata di stakeholder. A loro volta, le organizzazioni si trovano in una posizione migliore per identificare e affrontare le vulnerabilità chiave per le loro performance aziendali e la stabilità a lungo termine.

Le organizzazioni devono considerare quanto efficacemente l'ERM sia applicato in tutte le loro catene di fornitura e allineare le azioni di gestione del rischio operativo (governance, supervisione, monitoraggio, reporting e processo decisionale) al reporting esterno dei rischi e alla performance di sostenibilità.


DNV:

L'indagine ha rilevato che le aziende si sono concentrate sulla diffusione del rischio attraverso la diversificazione della loro base di fornitori. Questo corrisponde a ciò che il WBCSD ha constatato attraverso i suoi membri e può condividere ulteriori informazioni?

WBCSD: 

Si sta adottando una valutazione più granulare dei rischi della catena di approvvigionamento. Le motivazioni variano, ma l'esperienza post-pandemia suggerisce come importanti driver stiano gestendo i potenziali rischi operativi e reputazionali. 

La domanda degli stakeholder è in aumento per una chiara rendicontazione delle prestazioni sostenibili allineata a pratiche aziendali trasparenti e sostenibili. Le aziende sono sempre più tenute a “passare ai fatti” e si trovano a dover affrontare maggiori rischi di reputazione e maggiori contenziosi inerenti all'ESG nel caso in cui non fossero in grado di dimostrare una performance efficace e sostenibile. In particolare, le aziende devono concentrarsi sullo sviluppo dei processi di gestione del rischio, degli strumenti e delle infrastrutture a supporto dell'identificazione e della valutazione del rischio a livello secondario e terziario della catena di fornitura.


DNV:

La maggior parte delle aziende ha sentito la necessità di orientarsi verso una continuità della catena di fornitura. Come si ottiene questo risultato e qual è lo starting point più diffuso?

WBCSD:

Osserviamo come le organizzazioni siano alla ricerca di supporto per affrontare la gestione delle supply chain e la continuità del business. Le organizzazioni hanno dovuto adottare un approccio legato al monitoraggio dei rischi, alla definizione delle priorità e all'audit per garantire la revisione delle pratiche operative e la valutazione dei rischi attuali e futuri. A loro volta, il reporting interno e la divulgazione esterna richiedono una revisione e un adeguamento. 

Stiamo assistendo ad un aumento della necessità e del desiderio di migliorare le metodologie di identificazione precoce dei rischi, in particolare per vagliare i potenziali rischi ESG emergenti. C'è anche maggiore interesse verso l’adozione di strumenti di valutazione del rischio potenziati che estendano la valutazione del rischio oltre i criteri di impatto e di probabilità a criteri quali la vulnerabilità, la velocità di insorgenza, la reattività e l'adattabilità.

Si stanno perseguendo soluzioni basate sulla digitalizzazione, l'AI e il Machine Learning, il data mining e i Big Data per supportare il monitoraggio della supply chain e la gestione della continuità. Tuttavia, le organizzazioni dovrebbero applicare strutture solide per fornire una governance, una supervisione e una garanzia efficaci di questi dati, strumenti e modelli.

DNV:

È stato rilevato che una larga parte delle aziende considera una catena di fornitura più sostenibile come più resistente. Quali aspetti dovrebbero essere presi in considerazione per portare questo cambiamento strategico e benefici ad un'azienda? 

WBCSD:

Il cambiamento strategico richiede alle aziende di sviluppare e comunicare una comprensione chiara e comune degli impatti e delle dipendenze della catena del valore e del capitale non finanziario. Una chiara narrazione della visione e degli obiettivi dell'azienda è essenziale per coinvolgere gli stakeholder interni ed esterni.

A questo proposito, è degno di nota il fatto che l'indagine rimarca le principali aree di azione di sostenibilità legate alla trasparenza, alla comunicazione e alla rendicontazione delle performance sostenibili, ovvero:

  • Richiedere ai fornitori di fornire informazioni sulla sostenibilità;
  • intraprendere un dialogo con i fornitori per condividere la comprensione delle sfide della sostenibilità;
  • Implementare e comunicare una politica di catena di fornitura sostenibile.

Poiché le organizzazioni si sforzano di integrare le pratiche aziendali sostenibili nei loro processi di gestione quotidiana, la chiarezza di scopo, la politica e le prestazioni sono fondamentali. Secondo l'esperienza del WBCSD, le aziende che integrano la comprensione e le prospettive future delle valutazioni di sostenibilità (ad esempio, analisi della materialità, analisi di scenario, rapporti sulla sostenibilità) nella pianificazione strategica e nella pianificazione della performance aziendale sono in genere fortemente posizionate per identificare le potenziali vulnerabilità e per guidare in modo proattivo e con successo il cambiamento strategico del business (e di conseguenza costruire la resilienza).

DNV:

L'indagine ha analizzato le 120 aziende considerate "Leader" che hanno dimostrato maturità e agilità nel loro approccio alla gestione della supply chain. Quale esperienza potete condividere con i vostri soci su come hanno risposto alla pandemia?

WBCSD:

Durante il periodo di risposta alla pandemia, l'analisi delle prestazioni dei membri del WBCSD indica che i nostri membri hanno risposto con maggiore resilienza alle sfide e alle perturbazioni del mercato - confermando i dati dell’indagine riguardanti l'allineamento di una gestione matura e sostenibile della supply chain e la resilienza delle aziende leader.

Tuttavia, la complessità e la natura globale di alcune catene di fornitura fanno sì che le stesse restino vulnerabili a una vasta gamma di rischi diversificati che richiedono una significativa supervisione e valutazione.  

Le aziende con una solida focalizzazione sul rischio ESG hanno in comune una chiara visione a lungo termine e una forte comprensione della catena del valore aziendale - sono più consapevoli degli impatti e delle dipendenze del loro modello di business e sono meglio posizionate per definire risposte ben informate da parte del management.

WBCSD Insight 1
WBCSD North American Members YTD Performance
WBCSD Insight 2
WBCSD European Members Performance YTD

La guida di WBCSD a supporto della gestione del rischio ESG e della resilienza delle supply chain

La resilienza della catena di fornitura consiste nella la capacità propria di essere preparata ad eventi di rischio imprevisti, rispondendo e recuperando rapidamente a possibili interruzioni per tornare alla sua situazione originaria o crescere passando a uno stato nuovo e migliore, al fine di accrescere il servizio al cliente, il mercato e le prestazioni finanziarie.

L'applicazione delle tecniche di Enterprise Risk Management (ERM) consente di identificare, valutare e gestire in modo prioritario i rischi della catena di fornitura e di supportare le organizzazioni a costruire la resilienza affrontando strategicamente le vulnerabilità della supply chain.

In collaborazione con il Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission (COSO), il WBCSD ha sviluppato una guida pluripremiata per supportare l'applicazione delle tecniche ERM in tutte le operazioni aziendali e per affrontare la crescente prevalenza e gravità dei rischi legati all'ESG.

La guida aiuta i professionisti del rischio e della sostenibilità a comprendersi, a comunicare efficacemente gli ampi impatti e le dipendenze dell'azienda e ad affrontare come questi potrebbero tradursi in rischi. Affronta le sfide critiche dell'ESG e della gestione della catena di fornitura, come una solida governance e supervisione, i rischi associati alla realizzazione della strategia aziendale e degli obiettivi di business e il modo in cui le aziende possono valutare e dare priorità a rischi complessi e interconnessi, come quelli affrontati attraverso la supply chain.

WBCSD_25th-Anniversary-Logo