Dalla visione funzionale a una prospettiva di processo: verso una Supply Chain integrata

Negli ultimi anni, c'è stata una crescente consapevolezza dell'importanza di considerare l'intera catena di approvvigionamento come un'unica entità interconnessa. Questo approccio integrato alla gestione della catena di approvvigionamento è noto come Supply Chain Integrated Management (SCIM).

Negli ultimi decenni, la gestione della catena di approvvigionamento si è evoluta notevolmente, passando da una visione funzionale a una prospettiva di processo, sia inter che intra-organizzativa. Questo cambiamento riflette una consapevolezza crescente della necessità di una collaborazione e coordinazione più stretta lungo l'intera catena di valore.

Tradizionalmente, la supply chain era vista come una serie di funzioni discrete all'interno di un'organizzazione, ognuna focalizzata sul proprio compito specifico, senza una visione globale del processo. Tuttavia, questa prospettiva limitata spesso portava a inefficienze, ritardi e sprechi lungo il percorso.

Negli ultimi anni, c'è stata una crescente consapevolezza dell'importanza di considerare l'intera catena di approvvigionamento come un'unica entità interconnessa, che coinvolge sia i processi all'interno delle singole organizzazioni che quelli tra di esse. Questo approccio integrato alla gestione della catena di approvvigionamento è noto come Supply Chain Integrated Management (SCIM).

Esistono quattro tipologie principali di catene di approvvigionamento:

  1. Supply Chain interna: coinvolge i processi all'interno di un'organizzazione, dall'approvvigionamento alla produzione, dalla distribuzione al servizio post-vendita.
  2. Supply Chain diretta: si riferisce ai processi che coinvolgono direttamente i fornitori e i clienti dell'azienda principale.
  3. Supply Chain estesa: coinvolge i fornitori dei fornitori e i clienti dei clienti, allargando così la visione oltre i confini immediati dell'organizzazione.
  4. Supply Chain estrema: questa è una forma avanzata di supply chain integrata che include i fornitori, i partner e i clienti in una rete collaborativa altamente interconnessa.

Passare da catene di approvvigionamento frammentate a sistemi integrati di valore comporta una serie di vantaggi significativi. Innanzitutto, consente una maggiore visibilità e tracciabilità lungo l'intera catena di approvvigionamento, riducendo il rischio di perdite e interruzioni. Inoltre, facilita una risposta più rapida e flessibile alle mutevoli esigenze del mercato.

Tuttavia, forse il cambiamento più significativo nell'approccio alla gestione della catena di approvvigionamento è il riconoscimento del cliente finale come il vero driver della supply chain. Le aziende stanno sempre più orientando i propri processi e decisioni per soddisfare le esigenze e le aspettative dei clienti, riconoscendo che la soddisfazione del cliente è essenziale per il successo a lungo termine.

Infine, c'è stata una trasformazione nella natura delle relazioni lungo la catena di approvvigionamento. Da rapporti transazionali di breve termine, le aziende stanno sempre più sviluppando partnership strategiche a lungo termine con fornitori, partner e clienti. Queste partnership si basano sulla fiducia reciproca, sulla condivisione dei rischi e delle ricompense e sull'obiettivo comune di creare valore per tutti gli attori coinvolti.

In definitiva, il passaggio da una visione funzionale a una prospettiva di processo interconnessa e collaborativa è essenziale per affrontare le sfide sempre più complesse del mercato globale. Le aziende che abbracciano pienamente questo paradigma sono meglio posizionate per adattarsi e prosperare in un ambiente commerciale in continua evoluzione. Nei vari settori, si è affermata sempre più una visione di supply chain integrata.

Automotive: le case automobilistiche stanno sempre più lavorando in collaborazione con i propri fornitori per ottimizzare la produzione e ridurre i tempi di sviluppo dei nuovi modelli. Ciò coinvolge l'integrazione dei fornitori nella fase di progettazione e sviluppo del prodotto, consentendo una maggiore flessibilità e una risposta più rapida alle richieste dei clienti.

Elettronica: le aziende in questo settore stanno implementando modelli di supply chain estesa per garantire una fornitura continua di componenti critici per i propri prodotti. Ciò include non solo i fornitori diretti, ma anche i fornitori dei fornitori, per ridurre il rischio di interruzioni nella catena di approvvigionamento.

Food & Beverage: nell'industria alimentare, le aziende stanno adottando approcci integrati per garantire la sicurezza e la qualità dei propri prodotti lungo l'intera catena di approvvigionamento. Questo riguarda la tracciabilità degli ingredienti, dalle materie prime alla produzione, sino al consumatore finale, attraverso l'implementazione di sistemi di gestione della qualità e della sicurezza alimentare.

Fashion & Luxury: nel settore della moda, le aziende stanno sviluppando partnership strategiche con fornitori e partner di produzione per garantire la sostenibilità e l'etica lungo la catena di approvvigionamento. Ciò incorpora l'adozione di pratiche di produzione sostenibili, la tracciabilità delle materie prime e il rispetto dei diritti dei lavoratori lungo tutta la catena di fornitura.

Life Sciences: le aziende farmaceutiche stanno implementando approcci integrati per garantire la conformità normativa e la sicurezza dei propri prodotti lungo l'intera catena di approvvigionamento. Ciò riguarda la collaborazione con fornitori e partner di produzione per garantire la qualità e l'integrità dei farmaci durante la produzione e la distribuzione.

Questi esempi dimostrano come l'adozione di un approccio integrato alla gestione della catena di approvvigionamento possa portare a benefici tangibili in termini di efficienza, qualità, sostenibilità e soddisfazione del cliente.

Supply Chain integrata

10/04/2024 09:08:00

Contattaci

Michele Munaretti

Michele Munaretti

DNV Supply Chain Manager Italy