DNV GL

UNI CEI EN 50518 – Centrali di Monitoraggio e ricezione allarmi

UNI CEI EN 50518

Contattaci

Vuoi saperne di più su questo servizio?

Prenota una call

Per richiedere una quotazione

Clicca qui

La norma UNI CEI EN 50518, nell’edizione 2020, si applica ai Centri di Monitoraggio e Ricezione degli Allarmi (MARC), e specifica i requisiti minimi per il monitoraggio, la ricezione e l’analisi dei segnali generati da sistemi di allarme facenti parte di un processo di gestione della sicurezza, intesa sia in termini di safety che di security.

Ai fini della norma il termine “allarme” deve essere inteso in senso ampio e include i segnali di stato, di guasto e, più in generale, qualsiasi messaggio ricevuto da uno o più sistemi di allarme facenti parte di applicazioni di sicurezza come sopra specificate e come, ad esempio, i sistemi di allarme intrusione e rapina, i sistemi di videosorveglianza, i sistemi di rilevazione e allarme incendi, i sistemi di controllo accessi, i sistemi di allarme sociale o sistemi che combinano più funzioni di questo tipo.

La norma classifica i Centri di Monitoraggio e di Ricezione Allarmi (MARC) in due categorie e, per ciascuna di esse, fissa i requisiti minimi di progettazione e costruzione, le prestazioni minime relative alla ricezione e verifica dei segnali, alle modalità di registrazione e disponibilità dei dati e i requisiti e le procedure per la gestione operativa dei MARC.

Categoria I – Gestione segnali di allarme in ambito SECURITY:

  • allarmi provenienti da sistemi antintrusione e anti-rapina
  • sistemi di controllo accessi
  • videosorveglianza nelle applicazioni di sicurezza che richiedono una risposta d’emergenza
  • monitoraggio dei lavoratori solitari per applicazioni di security
  • sistemi di tracciamento degli oggetti vigilanza satellitare GPS per applicazioni di security
  • segnali di allarme provenienti da ARC di 2°categoria
  • combinazioni dei sistemi di cui sopra.

Categoria II – Gestione segnali di allarme NON SECURITY, quali:

  • sistemi di allarme automatico antincendio
  • allarmi manuali antincendio
  • sistemi di allarme sociale (telesoccorso sanitario non security)
  • impianti citofonici/videocitofonici
  • videosorveglianza in applicazioni non di sicurezza (ad esempio flusso di traffico)
  • monitoraggio dei lavoratori solitari per applicazioni non security
  • sistemi di tracciamento degli oggetti vigilanza satellitare GPS per applicazioni non security
  • impianti di emergenza ascensori
  • combinazioni dei sistemi di cui sopra.

La norma NON si applica nel caso di ambiti NON CIVILI, MEDICI E SANITARI

Applicazione nel Settore della Vigilanza Privata

Con l’entrata in vigore del D.M. 1 dicembre 2010 n. 269, così come emendato dal D.M. 56/2015, e del D.M. 4 giugno 2014 n.115, gli Istituti di Vigilanza Privata autorizzati a norma dell’articolo 134 del TULPS, devono obbligatoriamente dotarsi della certificazione secondo la norma UNI 10891 e, qualora sussistano determinati requisiti organizzativi e dimensionali, anche secondo la norma UNI CEI EN 50518.

In particolare, le condizioni di obbligatorietà scattano quando l’Autorizzazione Prefettizia consente di operare con un numero di guardie particolari giurate superiore a 100 unità (Livello dimensionale 4) e l’ambito operativo territoriale è ultraprovinciale con oltre 3 milioni di abitanti (Ambito Territoriale 4 e 5).

La certificazione è rilasciata da Organismi accreditati presso il Ministero dell’Interno, così come previsto dal Disciplinare del Capo della Polizia del 24 febbraio 2015. DNV è iscritta nell’elenco degli OdC del Ministero dell’Interno, accreditati ai sensi dell’art. 4, c. 1 del D.M. 4 giugno 2014, n. 115, al numero OdC 03/2020.

DNV, forte della propria esperienza e competenza tecnica maturata nel settore della Vigilanza Privata, definisce metodi e criteri di valutazione basati sulla concretezza e sull'approccio sostanziale, mirando a contribuire al miglioramento delle performance, anche economiche, dei propri clienti.

I vantaggi e benefici che una certificazione secondo UNI CEI EN 50518, conseguita con DNV, può apportare sono:

  • confronto costruttivo con un Organismo imparziale, indipendente e competente nel settore;
  • maggiore credibilità verso i clienti, derivante da una certificazione di parte terza;
  • contributo al miglioramento derivante dal dialogo tra DNV ed il cliente.

I Servizi offerti da DNV per il settore della Vigilanza sono i seguenti:

  • Certificazione secondo UNI 10891;
  • Certificazione secondo UNI CEI EN 50518;
  • Valutazione secondo schema Secur Rating;

gestibili anche in forma integrata mediante un unico audit combinato.

L’iter di certificazione si sviluppa secondo le seguenti fasi:

  • Audit iniziale che valuta il soddisfacimento dei requisiti della norma, analizzando sia la documentazione tecnica e la struttura del sistema documentale (procedure, disposizioni di servizio), sia l’operatività dell’organizzazione (dotazione di risorse umane, tecnologie HW w SW per l’erogazione e monitoraggio dei servizi erogati);
  • a conclusione positiva dell’audit iniziale, viene rilasciato un Certificato di Conformità;
  • audit di mantenimento con frequenza annuale (a 12 e 24 mesi dall’audit Iniziale);
  • audit di rinnovo a 33 mesi dall’Audit Iniziale per il rinnovo del Certificato triennale.

Pur essendo perfettamente integrabili con la norma ISO 9001, gli iter di certificazione per UNI 10891, UNI CEI EN 50518 e Secur Rating possono essere gestiti anche separatamente. Ovviamente l’abbinamento degli schemi consente ottimizzazioni sia operative sia economiche.

Rif.: REGOLAMENTO TECNICO

Contattaci

Vuoi saperne di più su questo servizio?

Prenota una call

Per richiedere una quotazione

Clicca qui

Servizi collegati: